Cinquanta sfumature di nero: libro VS film

by - mercoledì, febbraio 15, 2017

credits: badtaste.it
Eccoci ad un anno di distanza ad attendere trepidanti l'uscita del secondo capitolo del film tratto dalla trilogia letteraria che ha avvicinato il grande pubblico alla letteratura erotica, "Cinquanta sfumature di nero".
Precisamente il 9 febbraio è uscito nelle sale cinematografiche italiane "Cinquanta sfumature di nero". Migliaia di donne quindi si sono riversate al cinema per vedere come si è sviluppata la storia d'amore tra il tenebroso Mr Grey e l'innocente Miss Steele. Ma diciamoci la verità a parte una piccola parte di curiosi pigroni che non hanno letto la trilogia letteraria la restante fetta di pubblico che decide di pagare un biglietto del cinema per vedere il film in realtà ha letto e amato i libri partoriti dalla mente di E. L. James. L'idea quindi di mettere a confronto il libro con il film nasce dal fatto che le stesse persone di cui sopra erano rimaste insoddisfatte dalla trasposizione cinematografica del primo capitolo. Chi per le scelte in fatto di attori, chi per la resa di alcune scene, chi per i tagli e i cambiamenti, insomma possiamo dire che "Cinquanta sfumature di grigio" non è stato all'altezza delle aspettative delle lettrici più affezionate. E questo nuovo capitolo? Avrà rimediato agli errori precedenti? Se volete scoprirlo non vi resta che proseguire nella lettura.



LA TRILOGIA LETTERARIA


La trilogia di "Cinquanta sfumature" nasce dalla penna dell'autrice inglese E. L. James che pubblica il primo capitolo nel 2011. L'intera serie è diventata un vero e proprio best seller vendendo più di 125 milioni di copie in tutto il mondo. Inoltre i diritti del libro sono stati venduti in più di 50 paesi. Questi  sono romanzi erotici che nascono inizialmente come un fanfiction della serie letteraria vampiresca di "Twilight". In seguito l'autrice ai fini di non violare il copyright decise di cambiare i personaggi già noti di Twilight nella sua trasposizione letteraria e di riscriverla. La nuova versione quindi, dopo essere stata suddivisa in tre parti è stata pubblicata a partire dal maggio 2011 data in cui è stato pubblicato il primo libro "Cinquanta sfumature di grigio". Visto l'enorme successo della trilogia nel 2013 ne sono stati acquistati i diritti per trasporla sul grande schermo.

credits: sololibri.net



TRAMA GENERICA "Cinquanta sfumature di nero"


Anastasia dopo aver lasciato Christian, si sente svuotata e perduta. Christian dal canto suo non riesce ad arrendersi all'idea di averla persa così decide di cercare di porre rimedio ai suoi sbagli. I due protagonisti, dopo un'iniziale resistenza da parte di Anastasia, riescono a ritrovarsi e a lasciarsi andare alla loro travolgente passione che li porta ad esplorare territtori sconosciuti per entrambi. Tutto sembra andare per il meglio fino a che il terribile passato di Christian non torna a minacciare il loro amore. Anastasia riuscirà ad accettare Christian e i suoi pesanti fardelli? Il loro amore sarà così forte da vincere e superare ogni difficoltà?


 

LIBRO VS FILM


Le differenze tra la trasposizione cinematografica di questo secondo capitolo della saga e il corrispettivo letterario sono molte, addirittura sono maggiori rispetto a quelle del primo film. 
Ma passiamo in rassegna le differenze che ho riscontrato essere più evidenti.


- Nel libro Anastasia viene contattata da Christian, il quale si offre di accompagnarla alla mostra di Josè. Nel film, invece Anastasia si reca sola alla mostra e lì incontra Christian che si è recato alla mostra per parlarle.

- Al ballo di beneficienza organizzato dalla famiglia di Christian è presente il capo di Ana, Jack, il quale scatta delle fotografie con il cellulare ai quadri che ritraggono la famiglia Grey. Questo nel libro non accade, infatti Jack non è tra gli invitati alla festa.

- Nel libro, sia al ballo che in un'altra occasione facciamo la conoscenza del Dott. Flynn, psicologo di Christian che lo sta aiutando a superare i suoi traumi infantili e i comportamenti che ne sono derivati, mentre nel film non viene nemmeno nominato.

- Nel libro, mentre gli uomini di Christian setacciano l'appartamento dello stesso alla ricerca di Leila, Christian e Ana si recano in un hotel a passare la notte e non in barca.

- La casa che Christian e Ana vedono solamente dalla barca in realtà nel libro è la casa che Christian acquista per lui e Ana.

- Nel film manca la scena in cui Christian e Ana giocano, e non solo, a carambola.

- Nel romanzo Christian chiede ad Ana di sposarlo, mentre è in ginocchio di fronte a lei con la sua mano sul cuore, dopo l'incontro che Ana ha avuto nel suo appartamento con Leila.

- Nel libro ci sono alcune scene in cui è presente Ethan, il fratello di Kate, la migliore amica di Ana.

- Nel film inoltre manca la scena in cui, alla festa di compleanno di Christian, Kate prende da parte i futuri sposi rivelando loro di aver trovato il contratto  "Dominatore e sottomessa".


Tutte queste sono le differenze maggiori che ho riscontrato, ma non sono le uniche, anzi sono tantissimi i dettagli e le piccole cose che sono state cambiate. Anche la decisione di eliminare certi personaggi ha conseguentemente cambiato alcuni avvenimenti.


credits: comingsoon.it

 

OPINIONE 


La mia personale opinione sul lungometraggio non è delle più positive in quanto l'ho trovato lento, con dialoghi veramente poco curati e che spesso cadevano quasi nel ridicolo. Il doppiaggio italiano di sicuro non ha reso giustizia alla pellicola. Anche le scene più emotive sono state realizzate maluccio e in modo poco coinvolgente. La componente thriller non è stata in grado di suscitare suspense e mistero, ma ad onor del vero questa componente era poco soddisfacente anche nel libro. Concludendo non credo che nemmeno questo secondo capitolo sia stato all'altezza delle aspettative, anzi a mio modesto parere forse è stato anche realizzato peggio rispetto al primo. Bisogna riconoscere che anche i libri non sono oggettivamente dei capolavori a livello letterario, ma le trasposizioni purtroppo hanno fatto fatica anche a portare sul grande schermo quella che è l'intenzione delle opere letterarie. Mi spiace dover dare un'opinione così aspra su questo film, ma alla notizia del cambiamento di tutto il comparto tecnico e con il budget altissimo a disposizione per la sua realizzazione si poteva certamente fare di meglio.


VOTO: 4/10




You May Also Like

0 commenti